Categoria: post pseudoseri

Me ne stavo bellamente nel letto leggendo “Il piacere” di D’Annunzio, ma ho avuto l’ispirazione per un post cazzuto…

Come in ogni ambito esistono diverse idee e concezioni su quale sia la migliore soluzione alle problematiche.

Uno degli ambiti più discussi è sicuramente l’economia.
Quindi vediamo di dire la mia (beh ovvio, è il mio blog, mica potete dire la vostra!)…
Bene, il sottoscritto è per la liberà assoluta, per quel concetto astratto di libero mercato dove dominano solo ed esclusivamente la legge della convenienza e del darwinismo economico (esiste?!? beh potete immaginare che si tratti della legge del più forte).
Libertà, libertà e libertà sempre e comunque…
 A cosa serve drogare il mercato quando non funziona? Anni e anni di incentivi alle aziende affinché investissero al sud ed assumessero, ma per cosa? Per ritrovarci conti economici in attivo solo perché lo stato pompa soldi su qualcosa che non può funzionare? 
Aziende costruite al sud completamente antieconomiche logisticamente ed economicamente sono state allocate li per via degli incentivi, per arrivare a cosa? Per dire ai lavoratori “mi dispiace ma dobbiamo chiudere, non siete competitivi” dopo anni e anni di lavoro? Non parlo certo di cose astratte, basta che pensiate all’Irisbus…
Lo stato deve solo ed esclusivamente imporre le regole del gioco, poi saranno i player a decidere come giocare la partita dento quelle regole, ma ci deve essere libertà! E’ la stessa identica cosa per i pannelli solari, dove ho gia scritto qui, non si può incentivare qualcosa che non funziona! Devi produrre energia? Bene, queste solo le regole, trova il modo più economico e soddisfacente per farlo…
Va liberalizzato il mercato, eliminano gli ostacoli, introducendo la competività anche di player internazionali, solo così può aumentare la produttività!
Poste, autostrade, ferrovie (non solo l’alta velocità), servizi terziari di qualsiasi genere vanno liberalizzati introducendo regole non strigenti al mercato… Forse il prossimo anno ci sarà qualche passo avanti sulle autostrade e qualcosa si sta facendo sulle poste, ma non basta… 
E non è solo qui! Il mercato dell’auto in italia non può avere un solo player! Servono concorrenti! (sorvolo sulla grandissima attrattività di questo brillante e giovane paese, magari riprendo questo pezzo… persino FNAC se ne va… no così per dire)
Favorisci l’investimenti privati in cultura, startup, investimenti, ricerca! Aumenta le detrazioni fiscali e snellisci la burocrazia! Non hai soldi per giovani imprenditori o non ti fidi dopo anni e anni di politiche a fondo perduto che non hanno risolto nulla? Fai valere la legge del mercato! Aiuta ed incentiva i privati ad investire, sicuramente non investiranno su qualcosa che non può funzionare!
Si, forse è inutile parlare di liberà in Italia, dove un giornalista sbaglia e viene condannato al carcere, quando l’articolo 21 della costituzione prevede:Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.”
E proprio per questa libertà c’è chi ha combattuto….
Disapprovo quel che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo.” (Voltaire).
E’ giusto che si paghi per un errore (pecuniariamente), ma non con la censura della libertà…

Sto divagando, ma ho sonno. Notte.
**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

critiche economia personale post pseudoseri

Chris Anderson

Direttore da più di 10 anni di Wired USA, scrittore della “The Long Tail: Why the future of business is selling less of More” con il quale ha rivoluzionato completamente l’economia digitale ed ha “distrutto” il principio di Pareto dell’ “80/20” riguardo questo tipo di mercato.
 Ha scritto successivamente ciò che c’è dietro l’economia del Free con un suo secondo libro con l’omonimo nome.


Richard Branson
Un genio.
Nel 1972 fonda la Virgin Records, casa discografica con cui ebbe notevole successo, successivamente nel corso dei anni è penetrato in ogni, ripeto ogni settore! Carte di credito, compagnie telefoniche, bibite, palestre, radio, viaggi, hotel etc etc non esiste un solo settore dove non sia presente o abbia provato ad inserire questo marchio.
Ultimo i viaggi spaziali, di cui i contribuenti americani non sono particolarmente contenti dato che sono stati utilizzati fondi federari per realizzare lo spazio-porto civile.

Jeff Bezos 
Fondatore e Ceo dell’ Amazon, uno degli esempi lampanti di “Long Tail”: perché fermare il compratore a quei libri che può vedere quando ce ne sono un’infinità di nicchia?
Tutto il processo di gestione della merce è spettacolare: avete mai visto le scatole? Sono veramente qualcosa di ingegneristicamente perfetto: facili da utilizzare, sicure e facili da aprire.
Per non parlare del costo di spedizione che ti costringe ad ordinare più di un libro proprio per non pagare…

Reed Hastings
Co-fondatore di Netflix (ovviamente ha avuto capitali esterni), sfruttado anche esso la “Long Tail” ha portato al fallimento BlockBuster, che di certo non è fallita per via della pirateria come la maggior parte delle persone pensi. 
Idea banale: scegli il film da vedere non più su una libreria, ma on line e noi te lo mandiamo a casa. Pensa quanti “negozi” vengono risparmiati e quanto sia più allungata la richiesta di DVD coprendo anche quelli sconosciuti, che magari vengono suggeriti al cliente tramite algoritmo e per questo c’è un un buon sistema di previsione della domanda.

Warren Buffett
L’oracolo di Omaha, è un imprenditore americano, il terzo uomo più ricco del mondo. 
Quasi per caso si ritrova a creare un fondo di investimento basato su un semplicissimo meccanismo: comprare società che sono sottoquotate. Di li in poi, grazie alle sue capacità di investimento riesce a conquistare società di notevole importanza come la Berkshire Hathaway: una delle più grandi compagnie di assicurazione al mondo. Oltre ad essere ricco è anche il più grande Filantropico al mondo: ha deciso, tramite un piano a più anni, di dare via il suo patrimonio in beneficienza.

Ingvar Kamprad
Fondatore dell’Ikea. Iniziò la sua carriere da bambino vendendo i fiammiferi ai vicini. L’idea geniale è stata: creiamo mobili semplici, economici che posso essere montati a casa senza bisogno di tecnici specializzati, in modo da creare nell’acquirente la soddisfazione personale del “cavolo, l’ho montato io!”

Sergio Marchionne
Eroe nazionale!
Fiat nel 2000 era stata venduta a General Motors: 20% subito, 80% successivamente. Quattro anni dopo nel 2004 GM rinuncia ad acquistare fiat perché troppo carica di debiti e paga un miliardo e mezzo di dollari per eliminare l’accordo di compravendita.
Marchionne salva la Fiat, combatte con i sindacati per portare il modello americano di contratti per fabbrica e non nazionali che bloccano i lavoratori e non permettono contratti ad hoc per le aziende.
Comrpa la Chrysler a costo zero condividendo le tecnologie fiat e ripaga, con 5 anni di anticipo, il presito del governo americano, ora Chrysler continua a guadagnare fette di mercato e consente alla fiat di usufruire della rete americana per vendere il surplus di automobili prodotte nel vecchio continente.

Matteo Renzi
Sindaco di Firenze. Poteva starsene tranquillo nella sua città e aspettare il suo turno ed invece è pronto per prendere la segreteria del suo partito e andare alle elezioni.
Rottamatore e con idee abbastanza chiare su cosa va fatto…

Oscar Giannino
Una voce fuori dal coro contro questo stato LADRO. Ha un suo programma su Radio24 “La versione di Oscar” molto bello e interessante, ma è sopratutto lui che ha solide idee su cosa è necessario fare e su come “combattere” questo stato. Sul blog trovate altri collegamenti a lui.

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

personale post pseudoseri

La disoccupazione in Grecia è arrivata al 24,4% (55% la giovanile) contro il 17,2% dello scorso anno.
Al contrario di quel che si pensa e di ciò che i libri di storia scrivono, l’ascesa di Hitler in Germania è stata “causata” non dall’inflazione, che era già stata frenata, ma bensì dall’elevata disoccupazione! Questo è un errore storico che continua ad essere presente culturalmente ed è stato corretto con “recenti” analisi che hanno dimostrato proprio quello che vi ho scritto.
Se la disoccupazione in Grecia continua a salire nessuno può dirci cosa potrebbe succedere…
**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

politica post pseudoseri

Il sistema cinese non terrà ancora per molto.

Quel grande paese con indici di Pil estremamente alti rispetto ai rispettivi europei rischia un brusco e traumatico periodo di recessione. Ad occhio gli do 4-5 anni.

Perché?
Il sistema cinese fuziona “richiamando” capitali stranieri e con questo enorme flusso di denaro hanno progettato e costruito ponti, strade, case, industrie, ma ne hanno costruite troppe, con una necessita ingente di altro denaro. E qui arriva l’intoppo: la grave crisi di liquidità dell’europa e i problemi economici americani hanno ridotto i capitali nel paese asiatico, costringendo a trovare qualche sistema per recuperare altro denaro.
Per ben due volte sono stati tagliati i tassi e oggi sono stati iniettati 34 miliardi dalla banca centrale della Cina, chiari segnali di una mancanza di liquidità e una scarsa attrattività.

Ps tra 5 anni vedremo se ho ragione. Ricordatemi che l’avevo predetto.

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

economia post pseudoseri

Guarda tu se mi tocca abbassare il livello degli argomenti trattati in questo modo…

Poiché, dopo aver ricevuto i report, i sondaggi e le statistiche del mio team di supporto e amministrazione del blog e ho potuto constatare, in seguito all’analisi dei miei analisti, che tanto non corro il rischio di perdere lettori (uso un plurale, nella speranza che oltre me medesimo ci sia qualcuno che mi legga) e poiché Beppe Grillo è seguito nonostante scriva stronzate, mi cimento anche io in un po’ di sana politica e attualità.

Per prima cosa rispondo alla domanda fatta nel post precedente: ho alzato la mano a: [rullo di tamburi, riduzione della luce e scalpitio di piedi del pubblico] “letto qualcosa sulla fornero” [il pubblico è pregato di esordire con un “olè”], non sapevo ci fosse stata la conferenza e odio il calcio (della serie: “le grandi rivelazioni”)…

L’articolo 18 dello Statuto Dei Lavoratori è una tutela nei confronti dei lavoratori, che non possono essere licenziati in modo ingiusto, discriminatorio e senza motivo. Si applica solo per aziende con più di 15 dipendenti. Per qualche nota in più utilizzate l’amico di avventure chiamato Google!

Sono assolutamente favorevole alla sua eliminazione (da sempre, ne avevo parlato anche da qualche altra parte, ma la ricerca da parte del mio team è stata infruttuosa… li dovrò licenziare), e vi spiego anche i perché:

-In caso di crisi economiche, cambio di mercato, miglioramenti tecnologici, diminuzione del lavoro, eliminazione di alcune parti di lavorazione (magari date in outsourcing), l’azienda non può licenziare il personale, ma è costretta a “mantenerlo” anche se è in eccesso

-Impiegati “fannulloni” con bassa redditività, che portano più perdite (quantificabili anche con il tempo) che guadagni non possono essere licenziati

-Non esiste nel mondo, una simile “protezione” per il lavoratore, non esistono i contratti a tempo indeterminato, figuriamoci un facsimile dell’articolo 18!

-L’impossibilità di licenziare comprota la stesura di contratti a tempo determinato e lunghi periodi di “stage” proprio per non corre il rischio di avere poi personale sul groppone.

La Fornero ha toccato, finalmente, questo punto, purtroppo più che toccato l’ha sfiorato!

-Solita e allucinante differenzazione tra dipendenti privati e pubblici, questa modifica non si attua per gli enti pubblici che quindi rimangono LA sanguisuga dello Stato

-Pagare per eliminare i dipendenti con un una cifra tra le 15 e le 27 mensilità è troppo alta per un’azienda! Quasi conviene farsi licenziare!

-Le varie decisioni di “giusto” o “non giusto” licenziamento e la cifra da versare al dipendente licenziato spetta all’apparato giudiziario: stamo freschi!

Quindi bene che si modifichi, ma che sia una modifica seria e utile!

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

politica post pseudoseri

In questi due giorni che ho utilizzato l’iphone, ho “testato” almeno 150 App, e ci sono una serie di fattori che influenzano la loro permanenza sul dispositivo, e dipendono da una “sola” cosa:
Contano i primi 10-15 secondi!!! la metto in grassetto perché è la regola FONDAMENTALE!!
E’ molto importante che l’impatto sia positivo, se già presenta alcuni problemi che poi vi scriverò, l’utente cancellerà immediatamente l’app, anche se questa dopo magari 1 minuto di utilizzo diventa stra-ultra-mega-figa…

Ma quali sono questi fattori?
Fluidità: non deve essere lenta nei caricamenti e nei movimenti
Non “aggressiva”: non deve chiedere obbligatoriamente tutti i dati subito, è meglio la sola richiesta di una email e di una password, per consentire all’utente di dare un’occhiata all’app e poi in un secondo momento chiedergli l’inserimento di altri dati per compiere altre azioni
Leggibilità: deve essere chiara e facile da leggere, i colori non devono confondersi con i caratteri scritti
Design: non deve avere disegni sgranati! è molto importante che le icone siano chiare e ben delineate… Le icone a “pixel” lasciamole ai cubisti (farei notare la finezza e la dualità di significato, entrambi “inerenti”)
Comprensibilità: si deve capire a cosa serve!! ci sono delle volte che devo andarmi a rileggere la descrizione perché non capisco cosa ci devo fare
Indipendente: non deve dipendere esclusivamente dai social network, a me da fastidio unire social “personali” con applicazioni che magari rendono tutto visibile magari tramite geolocalizzazione… Deve quindi consentire l’iscrizione anche senza immettere dati Facebook o Twitter, e richiederli in un secondo momento..

***

In these two days I used the iphone and and I tested at least 150 App and and there are a number of factors that influence their stay on the device and and depend on a one thing:
Count the first 10-15 seconds! I put it in bold because it is the fundamental rule!
It very important that the impact is positive and if there are problems the user will instantly delete the app, even if, after maybe 1 minute of use becomes beautiful

But what are these factors?
Fluidity: Do not be slow in loading and movement
Not aggressive: does not necessarily have to ask all information immediately, it is best to only request an email and password to allow you to look the App and then later ask the insert Other data to take other operations
Readability: must be clear and easy to read, the colors should not be confused with the characters written
Design: drawings must not have wide open! is very important that the icons are clear and well defined
Comprehensibility: you must understand what is it! There are times that I have to go and re-read the description
Independent: should not depend exclusively on social networks and it bothers me to join social personal with applications that might make everything visible perhaps through geolocation Must therefore allow for the inclusion enter data without Facebook or Twitter, and perhaps ask it after…

  

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

post pseudoseri quel che capita

Il nuovo spot della Fiat 500, ha come protagonista Jennifer Lopez e il suo ultimo singolo… GENIALE!
Ovviamente essendo un volto noto a livello mondiale, la pubblicità viene utilizzata in tutte le lingue, ma è più che evidente che è indirizzata al mercato americano… Ed è geniale! Jennifer è una delle donne simbolo dell’america, e “imitata” molto dalle ragazze, esattamente lo stesso segmento di mercato delle 500… In più, ogni volta che la clip del video musicale va in onda, c’è la pubblicità!
Geniale, ottima canzone, ottimo volto, ottima idea!

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

economia post pseudoseri

Riprendendo quello che ho scritto nell’altro post (che i TG dico stronzate), vi voglio “distruggere” un luogo comune che si è creato negli ultimi mesi: Le rivolte nel medio oriente sono state così “potenti” grazie ai social network, sopratutto grazie a twitter… Cazzate!!
Sono stati analizzati i dati delle rivolte e i momenti caldi sono avvenuti proprio quando sono stati oscurati i siti internet perché non erano impegnati a protestare on-line e non erano controllabili tramite “spionaggio” sui social…

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

critiche curiosità post pseudoseri

Stavo casualmente leggendo un post su un blog dove si parlava dei piani su abbonamento dei telefonini… i piani era più o meno come i nostri (ovviamente più convenienti), uno degli utenti nei commenti scrive “certo questi inglesi quanto messaggiano! nel piano base gli danno 5000sms e negli altri illimitati”
Da qui effettivamente mi sono reso conto di quanto ci inculano a noi italiani, ma ovviamente la colpa è la nostra!!
Io penso di essere uno dei pochi che costantemente cambia operatore telefonico, proprio perché esiste qualcosa che non si sa per quale strano motivo noi non sfruttiamo mai: LIBERO MERCATO… Il libero mercato consente quella cosa strana chiamata competività, che consente proprio di avere le migliori tariffe per via del “furto” o “acchiappo” di nuovi clienti…
All’estero la “mobilità” dei clienti è così alta che praticamente incentivano in modo allucinante gli abbonamenti, che quindi risultano molti più convenienti delle “schede libere”…
Ah scusate, mi sono dimenticato di dirvi che un sms costa 0 (zero) al vostro operatore…

**

I was randomly reading a post on a blog where talked about the plans of subscription of mobile phones plans were more or less like our (obviously more convenient), a user writes in the comments certainly these Englishmen as a text! in the basic plan and other 5000 text give unlimited 
From here, I actually realized how much buttfuck us Italians, but of course the fault is ours!! 
I think I’m one of the few who constantly changing mobile operator, because there is something that does not know for what strange reason we don’t exploit ever: Free Market The free market allows this strange thing called competitivity, allowing just have the best price because of the “theft” or “catch” of new customers  
Abroad, the “mobility of customers is so high that practically hallucinating so encourage subscriptions, which are so much more convenient than “pay and go  
Oh sorry, I forgot to tell you that a text message costs 0 (zero) to your operator

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

critiche curiosità post pseudoseri

Prendendo il treno spesso e ho notato che ci sono numerosi terreni con i pannelli solari… Pannelli solari… Lo so che la cosa al 90% di voi non dice niente, ma ora cercherò di spegarlo meglio.
I pannelli vengono (venivano) detratti al 55% (poi dipende quando furono fatti gli impianti), ovviamente i soldi per coprire il costo provengono dalle bollette di tutti gli altri utenti e da fondi perduti. Vi state chiedendo dove voglio arrivare? Bene, quando si richede la detrazione, bisogna compilare una serie di scartoffie per far accettare le pratiche… Voglio sapere chi cazzo ha accettato che mettessero pannelli solari in pianura padana, per giunta non sui tetti, ma sui terreni!!!  Ma proca troia, io devo pagare di più per dei pannelli che non funzionano! C’è la nebbia praticamente 6 mesi all’anno!! E’ il punto con il minor rendimento in assoluto!!
E’ sbagliato togliere i finanziamenti e le agevolazioni, ma non è possibile che non ci siano controlli o un minimo di buon senso! Non si possono spargere soldi senza criterio!

Non tutti sanno che tutti i vari impianti che vogliono dismettere in Italia, impianti industriali, sono stati realizzati solo ed esclusivamente con fondi a fondo perduto statali, ovviamente soldi spesi a cazzo che infatti rendono quegli impianti completamente antieconomici (ormai non si danno più soldi a fondo perduto, almeno la metà poi deve venir restituita per eviare sperchi e richieste inutili)…

Quindi, si ai fondi, ma con criteri validi per l’assegnazione, non posso pagare di più per nulla!

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

critiche post pseudoseri