giovedì 10 aprile 2014

Se andate all'estero..

Se andate all'estero per una vacanza o per imparare l'inglese, dovete conoscere questo video

Ovviamente è accentuato... ma occhio lo stesso ;)

mercoledì 2 aprile 2014

Milano é una londonina


Per quanto se ne possa dire Milano è una piccola londra, in scala, una piccola Londra in scala.
 Nell'ora di punta, per esempio, nelle stazioni di cambio come king cross and pancreas (per citarne una), ti trovi una decina di flussi di persone che si spostano in modo compatto, ma per motivi non ancora scientificamente provati, come per gli sciami di locuste, riescono a non prendersi durante gli incroci, allo stesso modo a Milano, in stazioni come Cadorna o Loreto molte meno persone si incrociano, prendendosi, durante i cambi.


La prima cosa che vi viene in mente arrivano a Milano è "ma corrono tutti?" In verità, osservando il modello reale, ovvero londra, è possibile constatare che siete voi quelli lenti, e che sopratutto a Milano sono in scala anche l'agitazione e la corsa, qui veramente sono tutti maratoneti!

Il clima della città padana vi sembra freddo, ventoso e senza mai il sole... Tranquilli è proporzionato anche il meteo!

Vi aggirate tra aperitivi milanesi sentendo numerose parole in inglesi? Bene, qui
potete aggirarvi per numerosi bar e ristoranti ed ordinare comodamente in italiano.

mercoledì 26 marzo 2014

London #5 #6 #7 e #8

Noto che il tempo tra un post e l'altro aumenta... È che per il giorno dopo ho un po' di compiti da fare ed avendo comunque 6 ore di lezione al giorno la stanchezza si sente...
Questo weekend sono andato a provare due hamburger veramente buoni (http://www.honestburgers.co.uk e http://www.pattyandbun.co.uk) e ho fatto un giro per la city e zone limitrofe, come ad esempio st katharine docks. Il tutto alternato da studio per i test bocconi, di cui non so una beata ceppa (non sono proprio materie che ho fatto).

Note sparse

-Il tempo fa abbastanza schifo come di norma, sopratutto è ventoso ed alterna grandine a sole.

-Vicino london bridge c'era uno che faceva il gioco delle 3 carte, in modo veramente scarso, non so se per attirare persone o perché fosse incapace, sono stato a guardarlo un po' di volte e c'era un discreto giro tra entrate ed uscite... Probabilmente il pollo ero io e quindi mi sembrava facile... Però avevo capito anche chi fosse partner... Fatto sta che non avendo giocato mi rimarrà sempre il dubbio se il chicken fosse il sottoscritto...

-Ogni volta che vengo in Inghilterra prendo una SIM, sta volta ho preso lebara (è un operatore virtuale) che si appoggia a Vodafone, con sole 15£ al mese ho chiamate, messaggi e internet illimitato, unica pecca è che non posso usare l'iPhone come hotspot, motivo per cui forse prossimo mese cambio numero (che tanto non ha nessuno perché tra noi ci scambiamo quello attaccato a whatsapp che solitamente è quello italiano)

-farò dei post (credeteci pero) su alcune cose che vale la pena sottolineare...

-la classe di ielts della mattina è veramente difficile... 




venerdì 21 marzo 2014

London budget

Mi sono dimenticato un fatto importante, l'altro ieri è stato fatto il budget, la cosa strana è che tutta la parte finanziaria viene decisa e compiuta senza organi di governo: l'aumento o la diminuzione delle tasse non viene "passata" come legge, ma viene decisa di budget in budget. In ogni caso l'Inghilterra è a pieno regime, con un deficit decrescente e un aumento di molti investimenti. 
Sono state alzate le tasse solo sulle sigarette del 2%, mentre è stata tagliata di 1p la tassa sulla birra. Quest'ultima manovra non l'ho ancora capita.
Non ho poi capito tutta la parte delle tasse sugli investimenti personali o cose simili più che altro per via delle sigle che non conosco, ma penso siano state tagliate dal 55% al 20%.

London days #2 #3 and #4

Vediamo un po' che posso raccontarvi... Ieri sono andato alla british library dove ci sono libri e pergamene provenienti da ogni parte del mondo, alcuni persino di circa 1500 anni fa! C'è la magna carta (non perché si mangia), appunti di Leonardo Da Vicini, lettere di vari periodi storici e via dicendo, sicuramente la cosa più bella è che non ci sono italiani, troppo impegnati ad andare alla National Gallery per poter criticare i quadri e poter dire "questo ce l'avevo sul libro!"... Per diritto di cronaca l'altro ieri sono andato con dei colombiani alla National Gallery e gli ho spiegato qualcosa (giusto con persone provenienti da paesi senza arte posso cavarmela). 

Per concludere la cronologia oggi sono andato in toccata e fuga ad oxford street, ma il troppo vento mi ha costretto ad una ritirata strategica e quindi ho solo dato un'occhiata ad un paio di negozi. Per cultura generale, ma quando c'è lo sconto viene già applicato o é alla cassa? 

Concludo con una cosa che mi fa strano: oggi uno svizzero mi stava presentando ad altri studenti ed è venuto fuori "lui è un ingegnere dall'italia"... Mi fa ancora strano.

martedì 18 marzo 2014

London days #0 #1

Ieri sono arrivato a Londra verso le 7 di sera e mi sono diretto alla casa della famiglia che mi ospita, ovviamente in taxi poiché era troppo complicato mettermi a vedere come arrivare data l'ora.
La casa si trova in zona 3, ma è a 200 metri dalla metro victoria line che mi porta a euston dove c'è la scuola d'inglese, quindi impiego solo 25 minuti per arrivare.

Oggi, come primo giorno ho fatto il test d'inglese per verificare il mio livello e quindi il requisito minimo per fare il corso ielts e non generale, requisito che, data la classe assegnatomi, è stato raggiunto.
Dopo i test, una lezione pomeridiana e alcune informazioni dateci ci hanno portato in un pub a bere della birra e farci socializzare.

Poiché necessitavo di una SIM inglese per avere traffico dati e poter usufruire della mappa in qualsiasi momento, ho preso la SIM della Lebra, un operatore che si appoggia a Vodafone e che per 15£ mi da traffico dati illimitato per 30 giorni. Si, ok, é un po' da pachistani come compagnia, ma è la prima che ho trovato e che costa poco. Unica pecca è che non mi fa utilizzare l'iPhone come hotspot...
Mentre il tizio del supermarket mi configurava il cellulare abbiamo chiacchierato e con nonchalance sono uscite due domande retoriche che vi riporto...
[...]
"Perché ti sei trasferito a Milano? Tanto lavoro non c'è neanche li"
"Cosa ci fai di una laurea in ingegneria se tutte le aziende italiane stanno fallendo?"
[...]
L'Italia è un bel paese però...

Tornato a casa, la famiglia ha cercato di uccidermi con un riso, dove l'aggettivo speziato non rende bene l'idea, ma per fortuna le verdure a lato del piatto mi hanno salvato... E per salvarmi con le verdure significa proprio che la situazione era precaria.

Ora direi che me ne vado a nanna che domani mattina ho lezione.

domenica 9 marzo 2014

Io amo la burocrazia

Che bella la burocrazia italiana... 
Due giorni fa sono andato al commissariato di polizia per ritirare il passaporto.
Per farlo, stranamente, ci si può prenotare on line all'appuntamento e portando tutti i vari bollettini in 15 giorni è pronto. 
Il commissario disse: "tra 15 giorni chiami e venga a ritirarlo" 
"Ma devo fare la fila?"
"No, basta andare all'ingresso"
All'ingresso un cazzo! 
Arrivo e mi danno un numerino, con il quale ho dovuto attendere circa 2 ore il mio turno perché prima c'erano quelli che si erano prenotati per farlo. 2 ore di attesa per 3 minuti contati che sarebbero potuti essere anche meno se non mi fossi messo a discutere!
Ma chiamare chi deve solo ritirare tra un appuntamento e l'altro, considerando che sono 2 minuti, no? "Abbiamo degli appuntamenti da rispettare" invece io non c'ho un cazzo da fare e mi piace passare il tempo in fila.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...