mi bagno di più se corro o se cammino?

-mi bagno più se corro o se cammino? conviene correre o camminare quando piove? se piove corro o cammino? Adesso avrete le vostre risposte!! (queste sono per aumentare le key per i motori di ricerca XD)

Mentre stavo per sviluppare una formula matematica per calcolare se conviene camminare o correre sotto la pioggia (ehi non è che sia poi facilissimo, e poi considerando che qui piove sempre mi sembrava doveroso scoprirlo) mi sono reso conto di una cosa strana (naturalmente dopo che avevo calcolato il volume della goccia, tutte le varie formule e procedimenti da applicare)… do per scontato che a parità di tempo conviene stare fermi perché la superficie che si bagna è solamente quella delle spalle…
Se la pioggia cade perpendicolarmente alla superficie e una goccia segue l’altra, possiamo assimilarla a un filo, di conseguenza il filo lo “tocchiamo” ugualmente qualunque sia la nostra velocità! È come se le gocce d’acqua fossero state fotografate (se una segue l’altra o le fermiamo tutte mentre cadono, è la stessa cosa) e noi invece ci muovessimo verso di loro, la quantità d’acqua cambia? No, è la stessa poiché la strada da percorrere è la stessa e le gocce sono sempre le stesse! L’unica cosa che cambia correndo è la diminuzione della superficie sulle spalle (la goccia non fa in tempo a posarsi sulla spalla che questa “fugge”), ma poi in verità correndo noi ci incliniamo in avanti e quindi la superficie delle spalle che non viene più bagnata, è compensata dall’acqua che prendiamo sulla schiena…

Io ciò messo circa 30 min per arrivare a questa conclusione che non necessita neanche di calcoli matematici (sapete che l’acqua che prendete stando fermi per un’ora è 1,5l? l’ho calcolato prima di fare la parte dinamica e scoprire questa cosa), poi ho cercato in maniere più approfondita su internet, e ho anche trovato questo (http://www.facebook.com/topic.php?uid=87667493951&topic=8566), dove si è fatto uno studio all’universita di udine nel 1987 su questo, naturalmente citano anche galileo, ma non si sembra fondamentale, io con i miei fili ci sono arrivato ugualmente!! Ora però bisogna cominciare a comunicarlo ed espandere questa conoscenza poiché se voi cercate o chiedete vi dicono tutti che vi bagnate di più correndo..NON E’ VERO, o almeno vi bagnate di più se prendete anche le pozzanghere che sono per terra!!

sono soddisfatto di questa grande ed emozionante scoperta (ma ci sono voluti 1987 anni per capirlo?!? e molti ancora non lo sanno!).

lamatematicanonsaràmaiilmiomestiere (chi indovina la canzone?)

ps io ho postato il post (se è un post si posta!) a 00:04 perchè me lo da ancora nel giorno 3?grr

**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

Comments

comments

33 Comments

  1. Anonymous said:

    La pioggia ti sta facendo impazzire?

    4 novembre 2010
  2. bè 4 giorni di pioggia come la scorsa settimana mi hanno molto stupito.. qui dicono che fino ad aprile il sole non lo rivedo…

    4 novembre 2010
  3. Mario Luzzardi said:

    Veramente, sono rimasto scioccato dalla sua teoria idiota, spero che non dica sul serio quando dice che ha calcolato il volume della goccia d’acqua, se è lecito vorremo vedere la formula da lei utilizzata per dimostrarle che è SBAGLIATA, in quanto:
    – una goccia d’acqua non ha mai la stessa forma
    – una goccia d’acqua NON é a forma di goccia, solo nei cartoni animati, vengono chiamate goccie per convenzione

    La mia ilarità è aumentata quando ho letto le sue conclusioni cioè che camminare e correre sotto la pioggia non cambia! ma dove???
    Supponendo, per assurdo, che lei abbia ragione, una persona che corre sotto l’acqua è SEMPRE meno bagnata di un’altra che cammina, se non mi crede faccia una prova con qualcuno (ovviamente lei sarà quello che camminerà visto che sostiene che è indifferente).

    Detto questo mi aspetto che se lei critica la mia opinione nei giorni di pioggia deve, e dico DEVE, camminare, altrimenti, spiace dirlo lei è un’ipocrita che non mette in pratica le teorie da se stesso enunciate

    – Mario

    10 dicembre 2010
  4. le gocce sono sferiche e hanno un diametro che differenzia una pioggerellina da un diluvio universale.. trova tutti i dati su internet…

    se nuota più velocemente di un’altra persona in una vasca piena d’acqua si bagna di più? non penso… anzi è perfettamente uguale… se invece di tante gocce vede tanti filamenti d’acqua che scendono, la velocità incide? no.. non incide minimamente.. il tempo di percorrenza è inutile in questo contesto perché l’acqua è la stessa…
    consideri questo a sinistra un uomo e i punti delle gocce d’acqua… controlli se andando più veloce l’omino prende meno punti…

    [] ……………………..
    | ………………………
    / ……………………..

    cmq si, dopo aver confermato questa uguaglianza io cammino sotto l’acqua…

    10 dicembre 2010
  5. Mario Luzzardi said:

    La sua teoria è perfetta, anzi sarebbe stata perfetta, SE LE GOCCE D’ACQUA FOSSERO IMMOBILI.
    Si rende conto delle castronerie che il disegno lascia trasparire? lei dice che andando a qualsiasi velocità l’omino prende tutti i punti in figura, MA DOVE? cos’é pacman?

    ( < . . . . . .

    le gocce d’acqua si muovono! le uniche gocce d’acqua che l’omino prende sono quelle che cadono sopra di lui, cioè quelle che vengono dall’alto (per farle capire meglio sono le gocce che cadono sulla testa).

    Ora segua questo semplice ragionamento: se un’uomo corre sotto l’acqua le gocce che prende sono quelle che gli cadono da SOPRA e non quelle davanti a lui, allo stesso modo un uomo che cammina resta più esposto alle gocce che gli cadono da sopra e quindi si bagnerà di più di quello che corre (che resta esposto alle gocce per meno tempo).
    Spero di essere stato abbastanza chiaro anche per lei, e spero si sia convinto che la sua teoria non può essere accettata.

    – Mario

    13 dicembre 2010
  6. “e uniche gocce d’acqua che l’omino prende sono quelle che cadono sopra di lui” spero lei stia scherzando!!
    no, veramente lei pensa questo? lei non prende le gocce che stanno per cadere davanti a lei quando cammina? non posso credere a ciò che lei ha scritto… è veramente assurdo… dica di produrre ombrelli grandi quando la testa e le spalle, tanto il resto del corpo non si bagna…
    no no, mi spieghi come fa a non prendere le gocce davanti a lei che stanno per cadere!
    Me lo spieghi, perché io ancora non ho questi miracolosi poteri…
    metta un foglio di carta sul petto e cominci a camminare… io dico che si bagna..

    ps oltre ad avero detto io, in ogni caso c’è una dimostrazione con tanto di teoremi su questo, c’è il link proprio per questo.

    13 dicembre 2010
  7. Mario Luzzardi said:

    Come immaginavo non ha compreso i miei discorsi ho preteso troppo, quando dico che l’omino è esposto alle gocce sopra di lui, intendo questo
    spero che anche lei capisca da questo disegno:

    | | |
    / / /
    ****…..****
    ****…..****
    **** [] ****
    **** | ****
    **** / ****

    le gocce “.” sono quelle a cui l’omino è esposto e le frecce indicano le direzioni delle gocce, mentre le gocce “*” sono quelle che l’omino non toccherà mai, infatti se l’omino si sposta avanti la situazione sarà di questo tipo

    ********…..
    ********…..
    ******** []
    ******** |
    ******** /

    è ovvio che si bagna davanti per le gocce che gli cadono addosso, per chi mi ha preso, lei fa queste ipotesi da ingenuo per non lasciare intendere che ha torto.
    Se crede di avere ragione non basta postare un link trovato sul web perché sono capaci tutti, e sopra lei dice che ci è arrivato da solo, bene: mi faccia il piacere di dirmi come ci è arrivato.

    Come le ho già detto prima, faccia una prova, lei cammini sotto l’acqua e dopo si confronti con uno che ha percorso la sua stessa distanza correndo, si vedrà chi è più bagnato

    – Mario

    14 dicembre 2010
  8. l’omino prende le gocce che stanno per cadere e che sono davanti a lui…
    ***…..
    []….
    |…
    /..
    l’omino camminando prenderà le gocce che stanno per cadere, proprio perchè le prenderà con il corpo e le gambe..
    oltretutto la velocità quale fattore influenzerebbe? se come dice lei prende le stesse gocce?? rifletta, lo spazio è lo stesso, la quantità di gocce al metro cubico è lo stesso, cosa cambia se vado più veloce o più lento? come già detto le gocce sono talmente tante e fitte che possono essere considerate come dei filamenti, qualunque sia la velocità questi filamenti vengono presi e sono anche gli stessi perchè lo spazio da percorrere è lo stesso.
    Poi è facile mettere il link, e infatti non le ho detto di leggerlo e basta, ma le sto anche rispondendo, ma non può certo dire che non è uguale camminare o correre!! è stato provato scientificamente!

    14 dicembre 2010
  9. Federico Malagnino said:

    Sig. Albano la sua teoria e del tutto infondata io quando cammino sotto la pioggia non mi bagno il trucco sta nel passare tra goccia e goccia

    15 dicembre 2010
  10. Mario Luzzardi said:

    Non mi ha ancora dato niente di concreto, faccia la prova signor francesco e potrà criticarmi quando avrà le prove tangibili di quello che lei dice. Gli studi scentifici sono artificiosi, una cosa è vera finché non si prova che non lo é.
    Mi provi che lei ha ragione.

    – Mario

    16 dicembre 2010
  11. si se mi dice un modo per provarlo dato che non comprende la teoria… di sicuro non posso camminare e correre sotto la pioggia poichè l’intensità potrebbe cambiare, come la direzione e sopratutto non potrei contare le gocce una ad una…
    cmq non mi ha detto come la velocità influenzerebbe la quantità di gocce prese.
    mi scriva per esplicito e in modo sintetico i punti che lei non condivide come il fatto che non si prendono gocce che non siano sopra di noi o che la velocittà influenza, non ho capito come, la quantità d’acqua nel compiere uno stesso percorso….

    17 dicembre 2010
  12. Mario Luzzardi said:

    La sua teoria idiota l’ho compresa, non condivido che ci si bagna uguale se si corre o si cammina.

    – Mario

    17 dicembre 2010
  13. io non ho capito la sua teoria invece, quindi vorrei sapere perché ci si bagna in modo diverso a seconda della velocità

    17 dicembre 2010
  14. Mario Luzzardi said:

    Glielo ripeto signor francesco, lei capisce poco o nulla di quello che scrivo (o capisce quello che vuole lei), ad ogni modo, nonostante lei abbia frainteso tutto il discorso che ho fatto in precedenza, le ricordo che a me non tocca provare nulla. è lei quello che sostiene fino allo sfinimento le sue assurde teorie, siccome questo è il suo blog, e l’argomento l’ha tirato fuori lei, deve assumersi anche l’onere di provarlo.

    Lei è una di quelle persone che sente una cosa insensata e vaga alla tv, su internet o la legge da un giornale e predende si sapere tutto dell’argomento, ne sono la prova tutti i suoi post vaghi, incompleti e senza senso.
    Già non ha saputo dirmi nulla quando le ho chiesto spiegazioni sulla formula che ha usato per calcolare le gocce (se ben ricorda mi ha rispedito ancora sul link senza dirmi altro), dopo cambia versione e mi dice che le gocce sono come filamenti e dopo si impunta su una parte del mio discorso (che ribadisco non ha assolutamente capito) per deviare l’attenzione dal problema originale.
    Se non si conoscono le cose SI STA ZITTI. se lo ricordi signor francesco.

    attendo ancora una risposta ma già so che non arriverà

    – Mario

    17 dicembre 2010
  15. “le gocce sono sferiche e hanno un diametro che differenzia una pioggerellina da un diluvio universale.. trova tutti i dati su internet…

    scritto prima.. ma successivamente il calcolo della goccia era stato del tutto inutile.. le gocce cmq sono di 1-2mm di diametro, si calcola il volume della sfera e si ha la quantità d’acqua presente… non mi sembra un calcolo difficilissimo e addirittura da sottolinerare che non le avevo dato la rispostra… vuole che le dico come calcolare il volume di una sfera o pensa di farcela da solo?
    e le gocce non hanno la forma di gocce, l’ha detto lei, togliendo che mi chiedo quale sia la forma delle gocce, forse quelle di cioccolato, dovrebbe sapere che vibrandosi nel vuoto ed avendo un sufficente coefficente di attrazione molecolare le “gocce” sono sferiche proprio perché altrimenti si vaporizerebbero perché la struttura atomica non riuscirebbe a trattenere tutti gli atomi…
    non ho più il foglio con i calcoli, poi può calcolare la superfice delle spalle (il caso che lei stia fermo sotto la pioggia) e possiamo calcolare un 20×50 quindi sono 0,1m2 la superfice su sui piove l’acqua, e poi decide qual’è l’intensità della pioggia per sapere quanta acqua prende stando fermo (tra le altre cose penso di aver sbagliato perché sul post ho scritto 1,5l, ma dipende cmq dall’intensità che vuole prendere in considerazione… penso di aver sbagliato quando ho cambiato unità di misura), ma in ogni caso il volume della goccia d’acqua è totalmente inutile, (tranne se vuole sapere quante gocce d’acqua ha preso)
    questo però per il caso statico…
    se il caso fosse dinamico la superfice di impatto delle gocce sarebbe anche davanti a lei proprio perché prende le gocce davanti a lei quando cammina, ma come fare a capire quanto la velocità inflisce sulla quantità d’acqua presa? non è semplicissimo ma ci si arriva.
    l’uomo può essere assimilato au un parallelepipedo e prende l’acqua su una faccia corta (la stessa che prendeva quando stava fermo) e la faccia grande cioè davanti a noi.
    qualunque sia la velocità la superfice di impatto non cambia in nessun modo, poiché se le gocce cadono con la stessa frequenza, sia se vado piano sia se corro, quelle che occupano il volume dello spazio che devo percorrere verranno prese ugualmente.
    come ho già detto circa 20 volte la frequenza delle gocce è talmente elevata che possono essere considerate ferme (le crea difficoltà una simile dichiarazione?) perché tanto dove prima ce n’era una ora ce n’è un’altra, quindi possiamo immobilizzare la scena. di conseguenza la velocità non ha nessuna influenza sulla quantità d’acqua presa, poiché come già detto il nostro volume in movimento prende cmq le gocce in quella regione di spazio che deve percorrere.
    anzi andando più veloci l’acqua sulle spalle diminuisce poiché (è un po come il moto della fuga del satellite) noi andiamo avanti e la goccia non riesce a prenderci, non fa in tempo a toccarci che noi siamo già in un’altro punto… (quindi andando veloci potremmo anche prendere meno acqua, ma penso che la velocità dovrebbe essere molto più veloce della corsa, anche perché se calcoliamo G e l’altezza delle nuvole, serve la fisica relativistica per calcolare la velocità necessaria per non prendere nessuna gocca sulle spalle, ma mi servirebbe un po per calcolare la velocità necessaria, ma considerando che non comprende la fiscia normale figuriamoci quando si parla di relatività)
    come vede il calcolo del volume della gocca è inutile e non è neanche un calcolo molto difficile.

    17 dicembre 2010
  16. non bisognerebbe approssimare per avere un calcolo preciso…4,95227E-05 questo è il tempo che la goca impega per fare 1mm, che è quello che consentirebbe di non prenderci..se quacuno si vuole dilettare a calcolra relativisticamente che velocità occorre per far si che le spalle (che tra le altre cose diventano più corte) riescano a non farsi prendere dalla goccia… ma tanto non penso sia un problema di tutti i giorni

    18 dicembre 2010
  17. Federico Malagnino said:

    Sig. Albano nel suo commento precedente ha confermato che si può non bagnarsi andando sotto la pioggia

    19 dicembre 2010
  18. non penso proprio di aver detto questo, al massimo mi sono riferito all’acqua sulle spalle, ma si parla di fisica relativistica, e per giunta lei quando corre abbassa le spalle e quindi in verià il problema non si presenta.

    19 dicembre 2010
  19. Federico Malagnino said:

    no io passo tra goccia e goccia

    19 dicembre 2010
  20. Mario Luzzardi said:

    Direi di chiudere qui la discussione, lei nell’ultimo post non ha fatto altro che un riassunto dei post precedenti, quando io gli avevo chiesto ben altro, a luce di ciò e in mancanza di prove tangibili (anche lei ha dichiarato che queste prove sono impossibili da fornire) la teoria da lei enunciata non regge punto.

    22 dicembre 2010
  21. Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi. (Albert Einstein)

    22 dicembre 2010
  22. Mario Luzzardi said:

    … e lei ne è l’esempio vivente, quando fa le citazioni si assicuri di riportarle correttamente almeno.

    23 dicembre 2010
  23. si anche secondo me era errata, ma l’ho trovata su wikipedia…

    23 dicembre 2010
  24. dado said:

    Gent.mi sig. Albano e sig. Luzzardi a noi con le vostre teorie ci avete proprio annoiati. Sapete cosa vi dico? se è meglio correre o camminare quando piove io vi consiglio di starvene a casa o se proprio dovete uscire non dimenticatevi l’ombrello! Io in verità stavo proprio per uscire ma sta piovendo ed ho dimenticato ieri l’ombrello alla posta……mi converrà correre o camminare?

    9 gennaio 2011
  25. Federico Malagnino said:

    Secondo me Sig. Dado le conviene passare tra goccia e goccia

    12 gennaio 2011
  26. Anonymous said:

    Anche secondo me ha ragione malagnino. Ma Mario… perchè chiamare la teoria di Albano “idiota” e ostinarsi a contraddire post che hanno un senso, quando lei in primis sta postando cose prive di un ragionamento previo?
    Questa volta il signor Admin ha ragione u.u

    5 aprile 2011
  27. “questa volta”…. sottili insinuazioni 😉

    5 aprile 2011
  28. Anonymous said:

    è assurdo leggere ste cose…
    mario e federico, credo sia un caso irrimediabile

    12 giugno 2011
  29. Momo said:

    quando piove io corro nudo e agito in aria le bacchette della batteria, e prendo meno acqua di voi che camminate o correte

    6 luglio 2011
  30. Anonymous said:

    si prende più acqua correndo che camminando..dimostrato a video su discovery channel su mythbusters

    1 settembre 2011
  31. Anonymous said:

    l’hanno mostrato su sky e coincidenza sono capitato in questo forum per avere più certezze..cmq mi metto al lavoro per la ricerca del video penso che su discovery o sky italia si possa vedere le vecchie puntate.
    vorrei mettere alla vostra attenzione una cosa:
    mettiamo che io cammino sotto l’acqua ciò vuol dire che il muro d’acqua che prendo tenendo conto della casualità di come cadono le gocce prendo meno gocce che correndo; questo perchè da come hanno dimostrato la parte colpita dalla pioggia camminando è soprattutto testa spalle e una piccola percentuale gambe petto schiena ecc.. mentre correndo il corpo si “allunga” quindi le gocce bagnano più materia e poi con la corsa si prendono sia le gocce che cadono dall’alto sia quelle frontali con maggiore intensità. Basti pensare a quando si va in macchina: se avete notato quando piove e si è fermi al semaforo si possono notare le gocce sul parabrezza e di solito il tergicristalli diminuisce la velocità in quanto le gocce sono minori; infatti nel momento in cui si accellera si può notare che la quantità di gocce sul parabrezza aumenta esponenzialmente ed è per questo che le nuove auto in circolazione sono dotate di un dispositivo che accellera le spazzole sul vetro..provare per credere..gli effetti sono simili sul corpo umano più andiamo veloci più acqua prendiamo..infatti non è vero che se corriamo sotto l’acqua ci bagnamo meno…il tempo per cui ci bagnamo è inferiore ma la quantità d’acqua è circail 23% in più.. le dimostrazioni alle mie tesi si possono confermare usando la macchina sotto un temporale e fermarsi ogni tanto per notare gli effetti oppure prendere della carta da giornale coprirsi il petto e la testa e fare i due test..mentre correndo si bagna tutto camminando solo la parte in cima in quanto c’è minor spazio allo scoperto

    2 settembre 2011
  32. wait, il tergicristallo aumenta la propria velocità perché in meno tempo prendi più acqua, ma non perché in un tratto di strada X prendi più acqua di una macchina che va più piano… e per giunta la quantità di gocce prese sul tetto è inversamente proporzionale alla velocità del veicolo

    5 settembre 2011

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.