libia..

Potevo non dire la mia sulla Libia? Certo che si, però mi andava…
Più passa il tempo più penso che le notizie che abbiamo avuto siano state completamente sfalsate, ma non solo le notizie dei TG ma anche le notizie che avevano gli stati; penso che nella realtà le ribellioni non fossero così cruente, così capillari e contro il regime, penso fossero “piccole” manifestazioni, che però non avrebbero mai e poi mai sconfitto il potere dittatoriale di Gheddafi ma neanche avevano in mente di minacciare il suo potere… 
Perché deviare la realtà e chi ci potrebbe stare dietro non ho la minima idea, per ora, però in quest’ottica molte cose risulterebbero più chiare.
La Francia è stata la prima ad attaccare la Libia, il motivo più evidente è perché ha riconosciuto il governo provvisorio dei ribelli, ma ci sono anche altri motivi: la Francia come L’Italia ha un sacco di aziende, industrie e contratti economici con la Libia, per evitare di perderli ha dovuto dare l’appoggio “istantaneo” alla rivolta, così da riuscire ad avere altri contratti nel momento in cui i ribelli avessero preso il potere, una tale sicurezza nella rivolta libica può nascere solo da notizie distorte della realtà che davano per spacciato il governo di Gheddafi. Dopo la Francia altri stati sono andati a favore dei ribelli, sempre per gli stessi motivi economici, ma pochi giorni fa, quando era evidente che la rivolta stava per terminare nel peggiore dei modi, l’Europa e la Nato che si vedono minacciate economicamente (dopo aver girato le spalle a Gheddafi) con l’annullamento dei contratti pre-rivolta decidono di dare una mano ai ribelli…
Cosa succederà dopo nessuno lo sa, sicuramente ci beccheremo una serie di contratti di ricostruzione che potrebbero, negli anni futuri, eliminare totalmente l’immigrazione, anzi saremo noi ad andare in Libia… In tempi brevi se continua così e l’europa non si prende qualche libico, ne dovremo ospitare uno a testa…
**Entra nel blog e clicca sul +1 di google per migliorare la mia posizione tra i risultati delle ricerche ;)**

5 Comments

  1. Avatar Anonymous said:

    fai delle affermazioni piuttosto pesanti sui canali di trasmissione delle informazione, vorrei solo sapere se hai dei motivi fondati su fatti reali, o se sono solamente tue congetture

    20 marzo 2011
  2. non è solo sui canali di trasmissione ma anche sulle informazioni comunicate agli stati (presidenti e parlamenti)… cmq solo congetture per ora… ricordo che all’inizio delle rivolte intervistarono un libico qui in italia, che diceva proprio questo: che in verità non è come ci viene detto, ma è molto più tranquilla la situazione.. mi pare possedeva anche un sito ma non sapendo l’arabo dubito fortemente di trovare notizie su di lui…

    20 marzo 2011
  3. Avatar Anonymous said:

    E’ la classica situazione da cui nessuno ne esce bene. La Cina, ad esempio: perchè non porre il veto, visto che un suo veto avrebbe stilato un’alleanza petrolifera molto consistente con Gheddafi? La Russia, altro esempio: Perchè niente veto, ma poi dichiarazioni al vetriolo di Putin? L’Italia, ancora: dove sarebbe la tanto magnificata lotta per l’indipendenza energetica voluta dal berluscone? Distrutto quel poco di buono che aveva combinato? Gli USA: sanno benissimo che un terzo fronte bellico è assolutamente impensabile. Cosa pensano siano serviti quei 110 Tomahawk lanciati un po’ a casaccio? La Francia e la sua grandeur in mano allo statista di pessima statura Sarko (in questo il berlusca è in ottima compagnia)?E la stessa Libia? Cosa sta aspettando a dirci come andarono veramente le cose ad Ustica e a Lockerbie? E perchè non ci ha mai informati su come stiano le cose sui mercenari stranieri e sul calcolo dei morti (tanto Al Jazeera che Al Arabyia stranamente in sintonia diffusero voci secondo cui c’erano migliaia di mercenari dal Ciad ed i fedeli di Gheddafi avevano cuasato 10.000 morti)? Gli inglesi e la Lega Araba poi….
    L’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Qatar e la Giordania potrebbero essere tutti collaboratori della forza USA/NATO anti-Gheddafi. Tre di questi sono membri del Gulf Cooperation Council (GCC). Come parte della Lega Araba hanno tutti votato la scorsa settimana a favore di una no-fly zone. Che ironia cosmica è vedere queste quattro autocrazie a sostegno di una operazione militare a beneficio della stesso tipo di manifestanti che chiedono giustizia, dignità e democrazia nel loro stesso cortile di casa.

    23 marzo 2011
  4. togliendo il fatto che tutto ha più senso se consideriamo la distorzione delle notizie… i diritti di ricostruzione sono fondamentali.. tutti gli aiuti per qualunque missione, da quella di pace a quella di aiuto umanitario si basano su diritti di ricostruzione di strade, ponti, scuole, ferrovie e così via… Lo scopo era aiutare una delle due parti, quella vincente per rafforzare il potere sulla libia, è evidente che le notizie non erano veritiere tant’è che la “manifestazione” sarebbe finita senza in “nostro” aiuto, e Gheddafi avrebbe tranquillamente continuato il “suo mandato”… è tutto partito dalla Francia che secondo me ha avuto un due di picche su qualche affare molto importante, e per rovesciare le sorti ha cercato di aiutare i ribelli, per assicurarsi quello che non aveva avuto in precedenza…

    23 marzo 2011

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.